Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giacomo Lubrano [1619 - 1692]

Da “Scintille poetiche” [1692]
XXV
Addobbi di tappezzerie svariate in più figure di eserciti combattenti.

   Divisa l’ago le sue tele a parte,
e tra i serici fil forme animate,
selve e battaglie in guista tal comparte,
che paion da’ ricami allor rinate.
   Quanto d’armi e d’eroi narran le carte,
bombarde fulminose, aste schierate,
a’ punti d’una mano, a un cenno d’arte
tuonano agli occhi orribilmente ombrate.
   Qui vedi un Serse, e là un Pompeo che, vinto,
bagna col sangue suo l’egizzie arene;
né si discerne il natural dal finto.
   Or chi creder potria di tante scene
attor Poliorcete un verme estinto?
Così per nulla al duellar si viene.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it