Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giacomo Lubrano [1619 - 1692]

Da “Scintille poetiche” [1692]
XVIII
Gli abbigliamenti del corpo sono nudezze dell’anima.

   Bionda gramaglia d’orfani bombici
a’ capricci de l’arte in varie gale
si tesse in toghe, in clamidi a’ felici,
che il bel de l’alme pongono in non cale.
   Beve in bagni d’Eritra ostri fenici,
ché senza vezzi a lusingar non vale;
e l’or filato d’indiche pendici
le smalta il vile e le ravviva il frale.
   Tanto a fregiar d’estinti vermi un velo
adopra il Lusso adulator, né cura
abiti di virtù, stole di cielo.
   Ma sfoggi pur; che ne l’eterna arsura
sentirà ignudo fra le vampe e ’l gelo
verme che sempre rode e sempre dura.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it