Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giacomo Lubrano [1619 - 1692]

Da “Scintille poetiche” [1692]
III
Tali semenze talvolta in petto alle donne, riscaldate, si ravvivano.

   Si slaccia Filli il petto, e le native
poppe son d’un vil verme albe di vita.
Fra palpiti d’argento il latte invita
ad animarsi in oro un che non vive.
   Non sì vaghi del Gange entro le rive
smalta i natali al sol l’onda fiorita,
né più morbida culla, o più gradita,
le Veneri sortîr ne l’acque argive.
   Pria che il serico stuol l’ambite prede
stenda col labro, in biondo fil serpendo,
par che del core uman vagisca erede.
   La mia mortalità quindi comprendo
senza gire a le tombe. In noi si vede
la morta polve inverminir vivendo.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it