Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giacomo Lubrano [1619 - 1692]

Da “Scintille poetiche” [1692]
II
Nasce da sparute semenze.

   Rinovan gli anni in su ’l fiorir d’aprile
reliquie polverose, atomi morti,
e con l’inverminir spiran risorti
al tiepido fiatar d’aura gentile.
   O miracoli strani! un verme uměle
sa del fato cangiar gli occasi in orti.
O del vivere uman cari conforti,
nascono anime d’or da polve vile.
   Chimiche frenesie, che, i vivi argenti
fissando al soffio di mendica arsura,
pagate il fumo in lagrime correnti:
   ecco, fabra del ver, scuopre natura
nel ricco sen di rettili innocenti
agli Ermeti delusi un’aurea usura.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it