Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giuseppe Artale [1628 - 1679]

Da “Enciclopedia poetica” [1679]
III
[Il rivale.]

   Naufraghi il vostro gaudio entro i miei pianti,
e sian le voci mie tempeste irate,
o del mio cor crudi omicidi, amanti,
ch’al suon de’ miei sospir, ahi, riposate!
   Poiché, quai fûr le mie speranze erranti,
sian le vostre dolcezze or fulminate;
scagli il ciel contra voi fólgori tanti,
quanti per mio dolor baci scoccate.
   Sia la notte che strinse i vostri nodi
eterna notte, e lungamente amara
le vostre luci in ferreo sonno annodi.
   E dritto è ben che d’ogni lume avara
ella, ch’agevolò le vostre frodi,
converta il letto, or profanato, in bara.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it