Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giuseppe Battista [1610 - 1675]

Da “Poesie meliche” parte IV [1664]
XXXIX
[La villa.]

   D’api dorate è qui grappolo folto,
ch’abita d’una quercia ermo pedale,
dove dal suon di rauco rame accolto
vigila al canto e sonnacchiose ha l’ale.
   Colà di canne fluttuanti ascolto
su le sponde d’un rio bosco vocale,
il cui fischiar, che fu dall’aure sciolto,
diede alle melodie rozzo natale.
   In mezzo ho la capanna, e mi contento
narrar qui fole al pastorel montano,
che da me pende ad ascoltarle intento.
   E schiuda pure il suo delubro Giano,
ch’io godo pace, e nulla angoscia io sento
ch’a me porpore nieghi il Vaticano.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it