Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giuseppe Battista [1610 - 1675]

Da “Poesie meliche” parti I - III [1659]
XLV
[Lo studio delle lettere.]

   Sudi l’avaro. Io faticar lo ’ngegno
per ricchezze barbariche non voglio.
Mi chiuda un tetto. Altri del mar l’orgoglio
valichi audace oltre di Calpe il segno.
   Io non invidio agli Alessandri il regno,
lo scettro ai Ciri ed agli Augusti il soglio,
quando, cinico novo, entro d’un doglio
ho, divorando i libri, il mio sostegno.
   Se intendo sol come il divino Apelle
l’iri colora e come l’aere piove
agitato da stridole procelle,
   come immota č la terra, il ciel si move,
e per lo molle ciel guizzan le stelle,
sol mi repůto inferiore a Giove.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it