Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giuseppe Battista [1610 - 1675]

Da “Poesie meliche” parti I - III [1659]
XXIV
[Il Tempo.]

   Nacqui e vivo nel cielo, e pure il cielo
le mie forze tiranne unqua non sente;
misuro i moti al sole e col mio dente
rodo i marmi a Numidia, i bronzi a Delo.
   Do le fiamme alla state, al verno il gelo,
rendo la notte ombrosa, il dì lucente;
e so portar della mondana gente
rughe alla fronte e canutezza al pelo.
   Angue son io da mano egizia espresso,
che mordo la mia coda. Or qual veleno
vomito a’ danni altrui s’odio me stesso?
   In tante scene io mi paleso; appieno
di saper l’esser mio non è concesso:
quanto si pensa più, s’intende meno.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it