Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giuseppe Battista [1610 - 1675]

Da “Poesie meliche” parti I - III [1659]
XXIII
[La materia prima.]

   Asilo è di contrari, e se s’intende
dall’intelletto, all’occhio altrui non giace;
creata in tempo, e pur del tempo edace
non è mai sottoposta alle vicende.
   Perché di forme assenti ardor l’accende,
le presenti ch’abbraccia ella disface;
ed è la fame sua tanto vorace,
ch’alle forme corrotte anco si stende.
   Per lei quanto è per lei cade distrutto,
e, benché il moto abbia da sé disgiunto,
parte dal fiore e fa passaggio al frutto.
   Fa, né vaga né brutta, il vago, il brutto;
non ha divisione e non è punto;
in atto è nulla ed in potenza il tutto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it