Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Da “Poesie” [1669]
XIX
[Ego sum qui sum.]

   Triplicata unità, trino indiviso
son io che mi distinguo e son l’istesso;
e mentre in tre persone io son impresso,
io son tre, tre son uno, uno è diviso.
   Son senza luogo in ogni luogo fiso,
né luogo mi comprende, e son in esso;
io sol sono, ed il tutto ho sempre appresso;
tutto veggio, e in me sol godo e mi affiso.
   Privo di estension, convien che mande
di mia presenza in ogni parte il dono,
ch’indivisibil si divide e spande;
   e, senza qualità, son tutto buono,
e, senza qualità, son tutto grande;
io son chi sempre sono, io son chi sono.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it