Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Da “Poesie” [1689]
XXII
[In morte di Gustavo Adolfo.]

   Qual da turbato ciel fulminea face,
cui da gelido sen nube disserra,
scende tonante a spaventar la terra,
e dopo il colpo incenerita tace,
   tal dal freddo aquilon lo Sveco audace
vien ruinoso fulmine di guerra,
che le moli superbe orrendo atterra,
poi tra l’alte ruine estinto giace.
   Dubbie ancor le vestigie avvien che stampi
l’austriaca speme a tal cader risorta,
stordita ai tuoni, abbarbagliata ai lampi.
   Pugnan feroci, intanto, e non riporta
la vittoria nessun de’ duo gran campi,
ché con Adolfo la vittoria è morta.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it