Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Da “Poesie” [1689]
VI
Bella donna con un fanciullo in braccio.

   Vago fanciul, che fra le braccia stretto
de la mia dea dal suo bel collo pendi,
e l’inesperta man scherzando stendi
or agli occhi or al labbro ed or al petto;
   tu, di doglia incapace e di diletto,
tocchi il sol, tratti il foco e non t’accendi,
siedi in grembo a la gioia e non l’intendi;
oh quanto per te provo invido affetto!
   Deh potess’io cangiar teco il mio stato;
ché, possessor di sconosciuto bene,
sarei non infelice e non beato.
   Già ch’intero piacer qua giù non viene,
se ventura al gioir mi niega il fato,
mi negasse egli ancor senso a le pene!




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it