Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Da “Poesie” [1689]
V
In morte di Nicea.

   Sparita è ogni mia luce, ogni mio bene;
non mi riman che tenebre e dolore.
Versiamo pure il lacrimoso umore,
ch’altro officio, occhi miei, non ci conviene.
   Turbiam pur co’ sospir l’aure serene,
o mio dolente e tenebroso core,
mostriam piangendo il mio penoso orrore
e sospirando l’orride mie pene.
   Nulla mai di lucente o di giocondo
potrà la mia temprar pena infinita,
il mio rasserenare orror profondo.
   Ché senza lei, che sovra i cieli è gita,
un’oscura prigion mi sembra il mondo,
una morte crudel parmi la vita.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it