Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Poesie [1677]
180
Nel monacarsi d’una dama, che, prendendo l’abito bianco di san Benedetto, si fa chiamar Candida Aurora.

   Sprezza del mondo i lusinghieri inviti
nobil donzella, e di gentil candore
fregia il nome, orna il manto e veste il core
coi puri affetti al sommo bene uniti.
   Mira i suoi lacci, ai folli amanti orditi,
cader tronchi e disciolti e giura Amore
che, tolto al mondo il più lucente ardore,
in voi tramonti il sol, chiostri romiti.
   Qual maggior lume i vostri tetti indora,
qual maggior caldo infervorar vi suole
già che voi date al sol nome d’Aurora?
   Luminosi recessi. Il Ciel non vuole
che in voi si scorga tenebrosa un’ora:
nasce l’Aurora al tramontar del sole.

10: infervor > infervorar. 11: ma > già. 14: nasca > nasce.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it