Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Poesie [1677]
129
A bella donna che addimanda rime.

   Quei ch’un tempo versai pianti sonori,
quei che ’n rime accoppiai caldi sospiri,
mentre a un fonte di luce in due bei giri
bevei co ’l guardo gl’amorosi ardori,
   donna gentil, che i foschi manti indori
co’ rai sì chiari, a che d’udir desiri?
Vaga sei forse degl’altrui martìri,
che vuoi mirar ritratti i miei dolori?
   Se quest’è ver, con puro affetto umìle
t’offro lacero il core; in lui rimira
ciò ch’appena accennar seppe il mio stile.
   Ma se pur carmi vuoi, tu me l’ispira,
musa d’Amor, ch’il ciglio tuo gentile
si farà nuovo plettro a la mia lira.

5: ai foschi > i foschi.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it