Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Poesie [1677]
116
Al signor Andrea Valiero, in risposta che non si dêe amare una bellezza sola.

   Celeste dono è la beltà, che scende
ad invaghir qua giù l’umane menti
de’ beni eterni e a sollevarle al cielo;
chiare faville accende
ne’ foschi cori, e co’ suoi raggi ardenti
sgombra de’ pigri affetti il lento gelo;
sotto un leggiadro velo,
vie più che l’occhio, a l’intelletto scopre
di lavoro divin mirabil opre.
   Ma non sempre ella suol ne’ regii tetti
covar tra gli ostri, e, riccamente adorna,
sfidar le gemme in paragone e gli ori;
ché d’ameni boschetti
spesso a l’ombra riposta anco soggiorna,
e d’un prato ridente emula i fiori.
Quivi ne’ freschi umori
d’un puro fonticel si specchia e lava,
e co’ fregi de l’erba i crini aggrava.
   Fan di gemme inaspriti aurei monili,
d’argentei scherzi variati manti,
pompa non di beltà, ma di ricchezza;
son degli avi gentili
l’alte memorie e i celebrati vanti
fregi di nobiltà, non di bellezza;
ch’ella per sé s’apprezza,
e si brama per tutto ove si vede,
e cieco è quei ch’altra ragion ne chiede.
   Ma cieco e stolto è quegli ancor che l’ama
solo in un loco, e se la mira altrove,
o non la riconosce, o non la cura.
Chi la bellezza brama,
la brama sempre in ogn’oggetto, e dove
la scorge, ivi d’unirsi a lei procura.
Animata pittura,
ell’è di Dio ritratto; io stimo un empio
chi la vuole adorar solo in un tempio.
   Quegli che non ha cor d’amar capace
l’universal bellezza, ama e desia
la bellezza di Filli o di Nigella;
quindi non trova pace
co’ suoi meschini affetti; erra e travia,
mentre la luce vuol sol d’una stella;
che se splende rubella
a le sue voglie, in fra gli errori immensi
ei non ha scorta al traviar de’ sensi.
   Sol una è la beltà che il divo lume
in più corpi diffonde, e, quasi sole,
a molte stelle i raggi suoi comparte;
ond’è stolto costume
di chi solo un volto amar ne vuole,
con povero desio, picciola parte.
Volgi l’antiche carte,
e sovente vedrai lo stesso Giove
in nuovi oggetti amar vaghezze nuove.
   Tu, saggio Andrea, che non restringi il core
fra l’angustie d’un viso, e ai desir vasti
una sola speranza ésca non fai,
per te non trova Amore
entro due sole luci ardor che basti,
e i lacci d’un sol crin non sono assai.
Quindi è che tu ten vai
col libero pensier per varie forme
de l’unica beltà tracciando l’orme;
   quind’è ch’or la capanna ed or la reggia
ti vede amante a vagheggiare intento
una sola bellezza in molte belle;
né creder già ch’io deggia
dannare il tuo consiglio; anch’io mi pento
che non presi a cercare altre facelle,
tosto che le due stelle,
che m’allettaron pria, mostrârsi avverse,
e fero orgoglio il mio sperar disperse.
   Sciocco Tantalo er’io, che ’n mezo l’acque
dura sete soffria, perché volea
sol di fonte lontana onda interdetta.
La beltà che mi piacque,
mentre mal saggio fui, solo in Nicea,
or dovunque la miro, ivi m’alletta.
Duo begli occhi ha Lisetta,
et ha Clori un bel sen di vivi avori:
di Lisetta amo gli occhi, e ’l sen di Clori.

[Argomento]: bella > bellezza, così come ha l’ediz. del 1666. 6: sgombre > sgombra. 10: reggi > regii. 15: ed un > e d’un. 18: ecco > e co’. 47: solo > sole. 60: e lacci > e i lacci. 71: m’allettorno > m’allettaron>, per correttezza metrica.





5




10




15




20




25




30




35




40




45




50




55




60




65




70




75




80

poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it