Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Poesie [1677]
106
L’autore è travagliato da mal di pietra in età d’anni 60.

   D’orfeo non è, né d’Anfion la cetra
ch’io tratto, e pur dai sassi ella è seguita:
ogni sasso è uno strale, ond’ha fornita
la Morte ai danni miei la sua faretra.
   Da impietrito rigor nulla s’impetra,
fatti i calcoli omai son de la vita;
già mi convien saldar la mia partita,
e la dura sentenza è scritta in pietra.
   Nova Medusa d’impetrirmi ha cura
l’interne parti, ed è il mio frale, ahi lasso,
men durevole allor che più s’indura.
   Per sassoso camino a ciascun passo
pavento inciampi, entro a la tomba oscura
mi farà traboccar l’urto d’un sasso.

4: morte > Morte.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it