Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Poesie [1677]
91
Per la medesima occasione.

   Move ’l plettro Anfion lungo l’Ismeno,
e senso impara ogni più dura pietra;
su per l’onde Arion batte la cetra,
e trova scampo al crudo mare in seno.
   Di musica baldanza Orfeo ripieno
varca di Stige oltre alta sponda tetra,
e nel regno infernal pietade impetra,
sciolto agli accenti armonioso il freno.
   Restava solo il ciel; gli aonii vanti,
intentata finor l’eterea parte,
serbano, o Lope, a’ tuoi celesti canti.
   Tu, salito or lassù, con music’arte
traggi a’ numeri tuoi fere stellanti;
di Saturno il rigor tempri e di Marte.

6: Stigie > Stige. 13: solito > salito.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it