Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Poesie [1677]
68
Per la nascita d’una figliuola alla maestà dell’imperator Ferdinando Terzo.

   Fanciulla augusta, cui sì gran natale
diede prodigo il cielo, e genitori
di cui il mondo non vide unqua maggiori,
ch’avanzan di grandezza ogni mortale,
   là dove pregio uman di rado sale,
tuoi pregi andran, più che di gemme ed ori
spargerai di virtù ricchi splendori,
e fia ’l gran merto a la gran sorte eguale.
   Monarchi scorgerai figli e nipoti,
e di beltà non ti fia pari alcuna,
dai Lusitani ai Tartari remoti.
   Questo sol manca a la tua gran fortuna:
che, ben che accetti il ciel tutti i tuoi voti,
la tomba non avrai pari a la cuna.

4: ch’avvanzan > ch’avanzan.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it