Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Poesie [1677]
42
Per la medesima.

   Lidia, de l’or che ti biondeggia in testa
creditor è un sepolcro; a l’arte devi
gli ostri mentiti e le mentite nevi
ch’a la fronte, a le guance ella ti presta.
   Al tesor di bellezza or quella or questa
gemma involâro i dì fugaci e lievi;
tal dal tempo rapace onta ricevi,
così il tuo volto impoverito resta.
   Amor, ch’a voglia tua tutto spendea
l’oro de le saette, or più no ’l crede
a fallita beltà, come solea.
   E ’l mio cor, che già fu fra le tue prede,
e che ’n tua man le sue ricchezze avea,
povero più non have oro di fede.

4: ‘guance’, oscillazione. 10: delle > de le. 12: già fra > già fu fra; così la lezione dell’ed. 1666. 14: ave > have.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it