Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Poesie [1677]
39
Per la medesima.

   Oblia la fronte, o Lidia, i suoi candori,
disimparan le guancie il lor vermiglio;
e qual ombra aduggiò la rosa e ’l giglio?
e chi dal volto tuo sbandì gli Amori?
   Al tuo leggiadro april fura i tesori
del tempo involator l’ingordo artiglio,
ed a lo specchio in van chiedi consiglio
di ravvivar gl’inarriditi fiori.
   Non può far d’aurei fregi il manto adorno,
non le nevi mentite e gl’ostri finti
ricorrer dietro un sol passato giorno.
   Tutti i suoi vanti al fin l’etade ha vinti;
ed hai nel volto, per maggior tuo scorno,
di propria mano i suoi trofei dipinti.

8: ‘gl’inarriditi’, così nel testo.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it