Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ciro di Pers [1599 - 1663]

Poesie [1677]
13
Partenza.

   Occhi per gire al ciel, lucide scorte,
a me sì dolci un tempo e sì gioconde,
per sempre il vostro lume a me s’asconde,
mai più rivedrovvi, ahi dura sorte.
   Legno guerrier vo’ ch’a cercar mi porte
del rauco Egeo le procellose sponde,
che dal furor de’ barbari e de l’onde
convien ch’io vada a mendicar la morte.
   Nicea, vado a morir; con quale affetto
de la mia morte udrai l’annunzio rio?
Qual sentirai nel cor, doglio o diletto?
   Ah, ch’io stimo felice il fato mio,
s’allor, traendo un sol sopir dal petto,
dirai: Per troppo amarmi egli morio.

6: egeo > Egeo.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it