Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giambattista Basile [1575 - 1632]

Da “Ode” [1627]
I
[Santa Cristina.]

   Di Cristo in croce essangue
amante sviscerata,
nel suo duol, nel suo sangue
Cristina trasformata
sente dentro al suo cor mesto e doglioso
amorosa pietade, amor pietoso.
   Brama con lui patire
e sferze e spine e croci;
seco desia morire
fra’ suoi tormenti atroci,
e, gravida d’amor, nel cor istesso
ciò che brama e desia le resta impresso.
   Talché ne l’alma sente
i medesmi flagelli,
la corona pungente,
i chiodi acuti e felli,
e, nel suo duol cangiata acerbo e forte,
prova seco ad ogni or viva la morte.
   Né sazia l’alma immersa
d’esser ne’ suoi martìri,
in lui tutta conversa,
vuol ch’anco il corpo aspiri
a trasformarsi ne l’amato Cristo
e a far d’eterna gloria eterno acquisto.
   Col chiodo aspro e mortale
trafigge il piè beato,
ma in amoroso strale
il ferro trasformato,
con soave d’amor dolce ferita
a la carne dà morte, a l’alma vita.
   Gusta l’assenzio e ’l fele,
ma quel licor l’è dolce
vie più che d’Ibla il mèle,
sì ’l cor le nutre e molce:
stupendi effetti del divin amore,
ch’amareggia le labbra e sana il core.
   Fu d’alto amor altrice
al suo celeste amante
e vera imitatrice
de le sue piaghe sante,
e ben mostrò mirabilmente come
di Cristo corrispose a l’opre, al nome.
   Or degnamente in cielo
gode, fra spirti eletti,
del suo amoroso zelo
più soavi diletti,
e dolcemente di mirar s’appaga
di Cristo in lei le piaghe, in lui sua piaga.




5




10




15




20




25




30




35




40




45



poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it