Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Da “Nove cieli” [1640]
XXVIII
Al Tempo.

   Tu voli, o Tempo, e dibattendo i vanni
tosto al fine de l’uom giungi ed arrivi;
e, col giro che fai di mesi e d’anni,
termine angusto ai giorni suoi prescrivi.
   Tu fuggi, sì; ma col fuggir n’inganni,
come ingannano altrui correndo i rivi;
n’empi di cure e di gravosi affanni,
ma di bellezza e di vigor ne privi.
   Tu corri, sì; ma col tuo corso, edace,
ogni cosa qua giù che giova o nòce
consumi e rompi, involator rapace.
   Ah, m’insegna nel cor celeste voce
che non sei tu che fuggi: io son fugace,
ch’innanzi al corso tuo corro veloce.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it