Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Da “Nove cieli” [1640]
XVI
Pettine rotto.

   Candida e delicata navicella,
ch’era di terso avorio opra gioconda,
d’una chioma fendea dorata e bella
l’aurato flutto e la tempesta bionda.
   Guidata da una man polita e monda,
prendea de’ miei sospir l’aura novella;
ed un cristallo, ch’ebano circonda,
innanzi avea per tramontana e stella.
   Vago di gir con peregrino errore,
senza temer di rimanere assorto,
v’ascese incauto il semplicetto core.
   Ecco, mentre attendea vicino il porto,
per quello biondo pelago d’amore
si divise la nave, e restò morto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it