Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Sonetti di diversi all'autore
38
Del signor Giovan Camillo Zaccagni.

   Figlie del maggior dio, che d’Ippocrene
quelle che altrui dàn vita, acque bevete,
lasciate i monti e ad abitar scendete
del bel Sebeto le famose arene.
   Cigno immortal su quelle rive amene
spiegar concenti angelici udirete,
tal che tinte d’invidia irsen vedrete
le canore del mar dolci sirene.
   Venite omai, che melodie sì rare
mai non formò su l’animato legno
Orfeo ne’ boschi, ed Arion nel mare.
   Venite, ch’anco ne l’eterea mole
(sol per udire un Anfion sì degno)
frenerà ’l corso a’ suoi destrieri il Sole.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it