Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Sonetti di diversi all'autore
32
Del signor Giovan Battista Bergazzano.

   Muse, voi che da Pindo al ciel volate,
ditemi, qual virtù colà vi tira?
Perché co ’l suon de la celeste lira
le vostre dolci cetere accordate?
   Le selve degli allori in ciel traslate?
Parnaso ne l’empireo oggi s’ammira?
L’errante sfera il suo motor non gira?
Rota cigno mortal moli stellate?
   Misto con l’onde eteree, erra Elicona?
Corre degli astri al mar fatal sirena?
Novo Apollo là su splende e risona?
   Sì, che del CIEL, che gli orbi eterni affrena,
e del Castalio, ov’a Virtù corona,
GIROLAMO, è l’Atlante e la Camena.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it