Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Sonetti di diversi all'autore
14
Del signor Camillo de Notariis.

   In fragil vetro il siculo sagace
osò del cielo epilogar la sfera;
ove, qual porti il dì, lasci la sera,
del Sol mostrò la risplendente face;
   qual si mova il più pigro o ’l più fugace
nume, o la dea di tue bellezze altera,
quando in parte si mostri, e quando intera
Cinzia, o roti il più mite o ’l dio più audace.
   Taccia or di lui la Fama, e a te gli accenti
consacri; a te, che degli eterei giri
emoli ne’ tuoi cieli anco i concenti.
   E qual Giove canoro ella t’ammiri;
ch’a dar la gloria, ad eternar le genti,
l’Oblio schernito, ivi cantando aspiri.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it