Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Sonetti di diversi all'autore
10
Del signor don Carlo d’Aquino.

   Mal ponno di qua giù penne mortali
d’Icaro usar le temerarie ascelle;
per lodare a bastanza opre sì belle
cento de’ bianchi augei s’ergan su l’ali.
   Serbin tue glorie eterne et immortali
a caratteri d’oro in ciel le stelle,
onde leggano poi l’età novelle,
sempre tinti d’invidia, i nostri annali.
   L’urea cetra avrai tu dal cielo gradita,
ond’è che trar da l’Erebo profondo
potresti ogni alma, e darle senso e vita.
   Tu spira al canto mio, Febo secondo,
di quell’aura onde fai volar spedita
tua Fama, sì ch’è picciol spazio un mondo.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it