Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Cielo del Sole
69
Al signor Francesco Bracciolini.

   Tant’alto vai col tuo sublime ingegno,
se sciolto parli o se canoro scrivi,
che vincer puoi ne l’apollineo regno
e le cetere etrusche e i plettri argivi;
   e sì franco da terra al cielo arrivi,
e scorri per là su di segno in segno,
che non fu, che non è, tra’ sacri rivi
chi aguagliarti o seguirti oggi sia degno.
   Cade precipitoso in mar di duolo,
provando nel cader d’Icaro il salto,
chi pensa gir dove tu poggi a volo.
   Tenta il Tempo guerrier moverti assalto,
ma non può, ma non sa, debil nel volo,
correr sì lieve e sorvolar tant’alto.

1: soblime > sublime.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it