Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Cielo del Sole
10
Costanza nello studio poetico.

   Troppo è ’l colle di Pindo erto e sassoso,
e la via di virtù lunga e scoscesa;
pur seguirò l’incominciata impresa,
s’è ver che ne l’affanno è ’l premio ascoso.
   Se per un calle rigido e spinoso,
fra dirupi e fra balze, andar mi pesa,
pur salirò, ch’un’alma a gloria intesa
sofferendo e vincendo ha poi riposo.
   Al fin m’ingegnerò trovar quel monte
ove produsse il corridore alato
con l’alta zampa il Caballino fonte.
   Fulmini in contro a me destino irato;
s’un lauro m’incorona un dì la fronte,
che far mi potrà mai colpo di Fato?




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it