Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Cielo di Venere
126
Colombe dimesticate da bella ninfa.

   Clori mirai che ’n su l’aprir del giorno
due colombe nutria nel campo ameno,
e con la man, che porta ai gigli scorno,
l’accarezzava e le stringea nel seno.
   A ciascuna di lor nel collo adorno
tessea di lieti fior placido freno;
e de le piume al bel candor sereno
mille e mille affigea baci d’intorno.
   — Ninfa (diss’io), perché ridente fai
cotanti vezzi ad animai sì belli
e me poi, cruda, accarezzar non sai? —
   Ma voi fuggite, o semplicetti augelli;
questa crudel, che non fu pia giamai,
or dal regno d’Amor vi fa rubelli.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it