Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Cielo di Venere
125
Mostra il nome del sua ninfa scritto nelle corteccie de lauri.

   Mira (Titiro mio) que verdi allori
che per refugio al mio dolor prescrissi;
l su l rigido tronco incisi e scrissi
il nome bel de la mia bella Clori.
   Quanti intagli formai distinti fuori,
tanti baci dAmor sopra vaffissi;
poi, vlto a quelli, io sospirando dissi:
Crescete omai con s vergati onori.
   Ecco, in segno donor vivo et espresso,
calr le cime le frondose travi
a caratteri miei distinti appresso.
   E tanto fr nel proferir soavi,
cha la dolcezza di quel nome impresso
vi corse lape e vi compose i favi.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it