Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Cielo di Venere
115
Ardimento di bella cacciatrice.

   — Ecco il satiro ingordo, ecco t’assale. —
Già spunta Filli mia di là dal fonte.
— O tu contra di lui scocca lo strale,
o tu movi le piante in fuga pronte.
   Vedi come il fierissimo animale
l’orgoglio ha in bocca e la superbia in fronte,
e ne lo sdegno e ne la furia è tale,
che trema il bosco e vacilla il monte. —
   Scagliò da l’arco allor la ninfa il dardo,
che, sibilando per quel bosco ameno,
andò quel mostro a saettar non tardo.
   Prima irato gridò, poi venne meno:
— Non bastò per ferirmi il tuo bel guardo,
che torci l’arco e mi saetti il seno?




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it