Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Cielo di Venere
56
Si lamenta di non poter morire.

   Odio la vita, e per uscir di pene
batto co’ prieghi miei l’uscio di Morte.
Ma non m’ascolta, e inessorabil tiene
per mio doppio dolor chiuse le porte.
   Ma che mi giova il richiamarla forte,
se l’empia nel mio cor sedia mantiene?
So per decreto d’infallibil sorte
ch’ove vita non è, morte non viene.
   Come vo, come spiro, equal vigore
mi fa morto nel cor, vivo nel viso
solo in virtù, sol per magia d’Amore?
   Cadavero spirante esser m’aviso;
e tal vede al mio volto egro pallore,
che si crede la Morte avermi ucciso.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it