Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Cielo di Venere
28
Al proprio ritratto dell’autore, di mano della signora Artemisia Gentileschi.

   Emola di natura in campo uscita,
la tua man di pennelli armi guerriera,
e, trionfando de la Parca ardita,
la tela fai d’eternità bandiera.
   Sì espressa al natural, sì viva e vera
fai del sembiante mio l’ombra mentita,
che se morte mi dà l’ingorda arciera,
per te spero ottener perpetua vita.
   Certo sì eguale al ver scorgo il mio finto,
che dal valor ch’hai nel pennello accolto
par che rapito io sia, non già dipinto.
   Cruda, non ti bastò d’avermi tolto
l’anima prigioniera e ’l cuore avvinto,
ch’anco, ladra d’Amor, mi rubi il volto?




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it