Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Cielo di Luna
15
Contro lo stesso.

   Non ha fren, non ha legge il fasto umano:
tumido ne l’orgoglio, ergesi altero;
vuol sovra tutti aver loco primiero,
calcitrante, superbo, empio e inumano.
   Di sangue e d’oro, ingordo, arma la mano,
per farsi grande e dilatar l’impero;
e scompone e scompiglia un mondo intero,
furibondo guerrier, campione insano.
   Vuol che ’l mondo idolatra erga a suo vanto
archi, statue e colossi; il suo desio
rafrenar, regolar chi puote alquanto?
   Che non fa, che non tenta, audace e rio?
Fonda rocche, alza monti, e giunge a tanto,
che fin presume d’agguagliarsi a Dio.

11: si aggiunge il punto interrogativo.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it