Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Cielo di Venere
152
Effetti maravigliosi della bellezza della sua pescatrice.

   Correa di pesci un numeroso stuolo,
ove gli ami e le reti Ilia tendea,
et ogni filo et ogni suo lacciuolo
de le mani d’Amor nodo parea.
   Io, che ś bei miracoli vedea,
tratto da l’esca de’ suoi lumi solo,
per allacciarmi ove il bel lampo ardea,
corsi nel mar di sua bellezza a volo.
   Poi ṿlto a lei pien di timor gelato:
— Ninfa, — diss’io — se maggior preda vuoi
con l’amo far ch’hai nel bel volto amato,
   volgi il guardo a le stelle, e vedrai poi
che ’l pesce stesso ch’è là su stellato
preda a farsi verrà degli occhi tuoi.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it