Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Cielo di Venere
149
Serenità cagionata dalla bellezza della sua pescatrice.

   Veggio di limpid’or farsi l’arena,
d’argento il pesce e di zaffiro l’onda,
qualor tu, bella e candida Tirrena,
premi col nudo piè l’algosa sponda;
   più chiara divenir l’aria serena,
più dolce sospirar l’aura feconda,
più vaga mormorar l’onda tirrena,
più bella tremolar l’ombra gioconda.
   L’onde, che ’l salso mar produce amare,
prendeno qualità di dolce umore
solo in virtù de le tue luci chiare.
   Tanto è di tua beltà l’alto valore,
che ’l nudo pesce senza lingua in mare,
benché mutolo sia, parla d’amore.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it