Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Girolamo Fontanella [1612ca - 1643/4]

Nove Cieli [1640]
Cielo di Venere
144
A bella pescatrice che temeva d’avvicinarsi al mare.

   Ninfa, deh non temer l’onda sonante,
che baci stampa in su l’arene ardenti.
Deh non fuggir quei fuggitivi argenti
che Nettuno ti dona umido amante.
   Arresta il piè, che movi in fuga errante,
e torna ai liti placidi e lucenti;
non vedi il mar che con sue labbra algenti
per baciarti il bel piè corre tremante?
   La bocca ei stende, et a pregarti riede.
Ma tu pur fuggi; ond’ei s’attrista et ange,
perché fuggir, perch’arretrar ti vede.
   Già torna indietro, e nel tornar si frange,
e non potendo poi baciarti il piede,
ne bacia l’orme, e vi sospira e piange.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it