Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Scipione Errico [1592 - 1670]

Da “Poesie liriche” [1646]
VI
[A Giovanni Antonio Arrigoni.]

   Poggia al monte pindo e ardito e snello,
Arrigoni, trascorri a ogn’altro innante,
e de l’invidia il guardo atroce e fello
prendi a calcar con l’onorate piante.
   Tra’ cigni di Parnaso altero e bello
apparirà tuo giovenil sembiante,
come fiorito e nobile arboscello
talor verdeggia entro l’annose piante.
   Fia che prenda per te dolce martoro,
d’amorosi legami il core involto,
de le vergini Muse il sacro coro.
   L’alta corona ond’egli ha il capo avvolto,
Febo a te sol darà di sacro alloro,
perché l’altra, di raggi, hai nel bel volto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it