Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonio Bruni [1593 - 1635]

Le tre Grazie [1630]
Pallade, cioè Proposte et risposte
29
Del signor conte cavalier Andrea Barbazza. Loda le poesie dell’autore.

   BRUNI, la musa tua in dolci carmi,
quanti n’udisser mai l’Adria e ’l Tirreno,
spiega cantando al bel Sebeto in seno
e di Marte e d’Amor le gioie e l’armi;
   onde de’ pregi tuoi veder già parmi
adorno il Campidoglio, e in un baleno,
quasi lucide stelle in ciel sereno,
erger al tuo gran nome e bronzi e marmi.
   Per te la tigre ne le piagge armene
odia benigna il suo natio rigore;
e si ferma l’Egeo, corre Pirene.
   Lascia Marte per te l’odio e ’l furore,
per te, che lungo il musico Ippocrene
tratti in lira febea l’arco d’Amore.

1: ch’in > in.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it