Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Francesco Della Valle [? - XVII sec.]

Da “Rime” [1622]
X
[Le nuove fabbriche di Roma sotto Paolo V.]

   Già cede il tempo e coronata sporge
d’aurei tetti ogni monte al ciel la cima,
ed a l’altera maestà di prima
da le ruine sue Roma risorge.
   Ogni machina antica a l’aure sorge;
quant’in terra giacea s’erge e sublima,
e ciò che de l’età rose la lima,
ristorato dal ferro omai si scorge.
   Gli ampi spazi non copre inutil soma,
ma l’adornan le fonti e inondan l’acque,
e fatta sopra Roma è nova Roma.
   Oh valor del gran Paolo! Ella, che giacque
nel furor de’ suoi figli estinta e doma,
sott’un gran figlio in pace al fin rinacque.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it