Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Francesco Della Valle [? - XVII sec.]

Da “Rime” [1622]
II
[Compiacimento dei passati amori.]

   Fûr sì care le piaghe e sì gradite
le fiamme onde il mio cor arse e si dolse,
e con sì vago laccio Amor m’avvolse
quelle poche felici ore sparite,
   ch’avvivar le reliquie incenerite,
or che lei che l’accese il ciel mi tolse,
tento e, ristretto il nodo che mi sciolse,
aprir l’antiche mie dolci ferite.
   E s’anco affanno in rimembrarle io provo,
pur non potete voi, memorie amare,
far che sia vago il cor di piacer novo.
   Ma bacio il luogo ove alcun segno appare
del mal antico, e le scintille covo
de le ceneri mie soavi e care.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it