Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Francesco Della Valle [? - XVII sec.]

Da “Raccolta di sonetti d’autori diversi ed eccellenti dell’età nostra” [1623]
3
Le lodi che dà alla sua donna la fanno amar da altri.

   Ardo, e del petto mio gl’immensi ardori
tali essalano fuor vive faville,
ch’in altrui destan foco, e a mille a mille
de l’amate bellezze adorno i cori.
   Ma son le fiamme altrui di vani amori
presso l’incendio mio poche scintille,
e le lagrime altrui picciole stille
vicine al mar de’ miei dogliosi umori.
   Adori ogn’alma la beltà ch’adoro,
se geloso il mio cor pur non si rende,
che non dessi ad un sol tanto tesoro.
   So ben ch’un foco mille faci accende
senza perder virtude, e i raggi d’oro
non scema il sol ch’a l’universo splende.

[Argomento]: lo > la.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it