Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Boscherecce
44
Una ninfa che piagne.

   Carche di vive perle e rugiadose
volta le luci al ciel, piangea Licori,
e rider col suo pianto i bianchi fiori
fea del bel volto e le vermiglie rose.
   Licida intanto, per temprar gli ardori
de le sì gravi sue fiamme amorose,
de le cadenti lagrime pietose
cogliea bevendo i tepidetti umori.
   Ma che, s’entro l’umor foco che l’arse
era celato? e da l’accolte stille
doppio sentì ne l’alma incendio farse?
   Strano inganno d’amor: poi le faville
nel cor chiuse restâro, e l’acque sparse
gli uscîr per gli occhi in mille rivi e mille.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it