Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Boscherecce
36
Invola una bacio alla sua ninfa.

   Ferma il pič, non fuggir, Filli mia cara,
fammi d’un bacio solo almen contento,
d’un bacio sol; s’altro poi cheggio o tento
siami peggio che sai, cruda et avara.
   Qui fuor che ’l vento lieve e l’onda chiara
chi ne veggia non č: se l’onda e ’l vento,
o la voce degli antri o pur l’armento
a ridir l’altrui gioie non impara.
   Io moro e giunta omai presso l’uscita
l’anima č giŕ, se tu presta non sei
con la tua bocca a ritenerla in vita.
   Gustato ho pur (con vostra pace o dči)
nettar piů dolce. O bacio, anzi o ferita.
Deh tacete augelletti i furti miei.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it