Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Boscherecce
33
Priega la Luna che si dimostri.

   Sferza i pigri giovenchi, e innanzi l’ora
sorgi d’abisso, o de la notte negra
candida dea; già l’alma afflitta et egra
altro sol non desia, non altra aurora.
   Tragga pria de l’usato Espero fora
per li campi del ciel la greggia integra
de le luci minute; e l’aria allegra
squarci l’ombroso vel che la scolora.
   Sorgi, non più indugiar, deh sorgi meco
mia fida scorta; e con tua fronte adorna
il mondo alluma tenebroso e cieco.
   Tu te n’andrai le ’nargentate corna
a specchiar nel tuo sole, io verrò teco
a veder quel che le mie notti aggiorna.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it