Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Boscherecce
32
Trasformazione di Dafne in lauro.

   Stanca, anelante a la paterna riva,
qual sol cervetta affaticata in caccia,
correa piangendo e con smarrita faccia
la vergine ritrosa e fuggitiva;
   e già l’acceso dio, che la seguiva,
giunta omai del suo corso avea la traccia,
quando fermar le piante, alzar le braccia
ratto la vide, in quel ch’ella fuggiva.
   Vede il bel piè radice, e vede (ahi fato)
che roza scorza i vaghi membri asconde,
e l’ombra verdeggiar del crine aurato.
   Allor l’abbraccia e bacia, e de le bionde
chiome fregio novel, dal tronco amato
donde il frutto bramò, coglie le fronde.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it