Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Boscherecce
14
Effetti cagionati ne’ fiori dalla presenza della sua ninfa.

   Ogni prato, ogni fior ride al tuo riso,
mentr’Elpinia fra lor movi le piante;
nel tuo leggiadro aspetto il suo sembiante
vago di vagheggiar, scorge Narciso.
   In te si specchia Adon, ch’espresso il viso
aver di Citerea gli sembra avante;
e Clizia, quasi volta al suo levante,
nel sol de’ tuoi begli occhi il guardo ha fiso.
   Vinta in bellezza e dal tuo piè calcata,
d’amorosa vergogna il volto tinto,
inchina a te la Rosa innamorata.
   Fossi anch’io fiore, e per poter depinto
mostrarti, sospirando aura odorata,
ne le foglie il mio duol, fossi Giacinto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it